Poesie

Pisogne

 

Potete notare dall’alto la bellezza di questo nostro paese, tra lago e scenari volti a mezzogiorno

 

  • Ogni paese o città ha la sua storia un nome e una derivazione.
  • A Pisogne, io gli dedico una poesia,
  • che racconta anche un filo di storia mia.
  • Leggendo e rileggendo della storia di Pisogne per questo nome
  • e  la sua derivazione
  • per il poeta da scoprire c’è ben poco.
  • Io ridendomi un po’ sopra,                      riesco a dire
  • zona pisognese.
  • E visto che da anni non gli vivo assai vicino,
  • di questa zona pisognese
  • non posso stargli lontano più di un mese.
  • Sono nato nel suo piccolo ospedale,
  • ai giorni nostri…        solo agli anziani…
  • rimasto ospitale.
  • La zona è vasta!
  • Da Toline,       al lago..      al lido..al piano ,    e poi su boschetta
  • e la Rovina!!!     Che...
  • A me! Sembrava… assai divina

Continua >

Pezzo di Cuore

Pezzo di Cuore

Attraverso le parole incise dentro questo mia poesia , ti dono a piene mani il mio essere e cosa hanno rappresentato per me vicino o lontano , il tuo donarti ,il tuo sapere dare senza volere nulla in cambio ……… A te cara zia Cecilia Bonometti

 

Pezzo di cuore

Per te era ormai giunta la sera

Al mattino

Fra l’alba e il

chiar di luna

te ne sei andata …con l’arrivo dei primi stormi di rondini

sei volata con loro!

sei volata in alto!

in alto!

molto in alto

più in alto della luna

Lassù, nel firmamento

dove la tua luce si è fusa con quella

delle stelle

In questa notte luminosa e serena

Il tuo corpo ….. e un sorriso indelebile

 

Questa è la prima notte

che dormi il sonno infinito

dopo questa vita terrena

Scrivo come in un canto

Un inno …

Questo pezzo di cuore

Vorrei !

Vorrai !… Vedere i tuoi generati dormire dopo notte insonni

Accanto a te

Dormiranno un sonno di liberazione

Si sveglieranno

Tenendo vicino il suo

Il tuo pezzo di cuore

 

La mia mente è sveglia

Sta pensando … dopo il mio ultimo bacio al tuo viso

Al tuo, mio, amato viso

Lo ammetto

Quante lacrime ho dentro,

le dono al profondo di una sorgente

Lo sento

Piano, piano usciranno

Scenderanno verso valle,

andranno negli abissi

dove confondi cielo e mare

Dolce e amata zia Cilia

Ora riprendo il mio pezzo di cuore

Mi serve per vivere

per camminare

per amare

Come hai fatto tu!!!

Pezzo di cuore

Tu mi hai accolto al tuo tepore , hai ascoltato i miei vagiti,

asciugato le mie prime lacrime

con le tue carezze

Oh pezzo di cuore

non lasciarci mai soli

Non mi resta che dirti Ti ricorderò

Con amore

Tuo Fulvio

 

 

Poesia

In un angolo di ognuno di noi…

c’è qualcosa che ti piace…

ma non lo sai.

Se lo cerchi lo troverai.

Io nella poesia…

trovo la mia via;

mi piace leggerle,

ascoltarle,

e poi narrarle.

In ogni parola…

c’è un’analisi per la scuola.

In fondo al mio dentro…

c’è qualcosa che non vendo,

posso dirlo,

scriverlo,             o cantarlo,

magari un po’ stonato,

ma c’è l’essenza della mia vita.

Per carità, niente di eccezionale,

ma mi piace raccontare.

Il tempo a volte non me lo permette,

ma se invecchio

a poco a poco

potrò apprezzare anche il topo.

C’è una ragione per ogni essere vivente,

anche quando ti fa schifo

e ti sembra che non serve a niente.

La poesia è una canzone..

descrive ogni stagione;

io…

se avrò il piacere di scoprirle fino in fondo,

nell’ultimo respirò

dirò grazie..

e…            me ne andrò.

Cimitero Lontano

Febbraio ’69

C’è un cimitero lontano a cui,

a volte,parlo

come un bambino smarrito

In quel cimitero,

nascosta sotto un mucchio di terra,

c’è la mia mamma.

Io sono lontano….

e quando mi sento solo

vorrei sentire!

Il calore della tua mano.

Qualcuno nei suoi racconti

mi parla di te,

li ascolto tra una lacrima

e un sorriso.

Mentre sto scrivendo

stringo a me un cuscino,

e mi sembra di averti vicino.

Il papà ha la sua età ,

e ascoltarmi non gli va.

La mia vita

mi sembra che la viva

con superficialità.

Mamma

il tuo nome ha le ali bianche

io lo sento

che tu mi sei vicina.

Quante volte verrei lassù,

tra

il verde di quel praticello.

Questa notte ti ho sognata

i tuoi occhi come  brillavano…

sulla fronte ti ho baciata

Il mio pensiero è in quel cimitero lontano,

ma con te dentro

lo sento vicino.